Un grido di allarme per gli Italiani! Sveglia! di M. Viglione

Quanto sta accadendo oggi nella nostra società lascia a dir poco esterrefatti tutti coloro che riescono a vivere (o almeno tentano) cercando di cogliere il senso delle cose. Chi riesce a farsi nella mente un quadro complessivo dell’intera situazione mondiale, sente come se il mondo ci stesse cadendo addosso, e non è facile capire da quando e perché.
Che si pensi alla politica, all’economia, alla società in sé, alla famiglia, ai livelli di barbarie civile, culturale e comportamentale della gioventù (e non solo), a quanto sta accadendo nel campo della morale di diritto naturale (omosessualizzazione forzata, pedofilismo, eutanasia di vecchi e fanciulli, manipolazione genetica e altro ancora che è lì per arrivare) per non parlare dell’ormai più che decennale mostruosità dell’abortismo e follia omicida della droga, fino ad arrivare alla devastante situazione della Chiesa odierna (da cardinali e vescovi eretizzanti a suore ballerine, da sacerdoti clown profanatori della Messa ai preti pedofili, dagli scandali finanziari ai vescovi pro omosessualismo, ecc. ecc.); tutto questo, e molto altro ancora (si pensi, solo per richiamare alcune drammatiche problematiche, all’autodissoluzione dell’Italia, al mondialismo a-morale, finanziario e distruttore delle civiltà e culture particolari, all’animalismo aggressivo, all’immigrazionismo incontrollato o alla mattanza di cristiani nel mondo) ci spinge alla costernazione.
Siamo costernati, perché non esiste campo dell’umano convivere, anche il più banale (vogliamo parlare del potere della corruzione economica? Della disoccupazione? Del trionfo della visione edonistica e materialistica nella vita quotidiana delle persone? Di mode ripugnanti, come il piercing tra giovani e ormai meno giovani? Del livello di disfacimento della Sanità? O di quello della scuola? O magari di quello dell’università?
O vogliamo parlare del fatto che tutta la cultura e l’informazione sono in mano alle forze della sinistra sovversiva e dissolutrice? O vogliamo porre l’accento sul fatto che metà e oltre dell’Italia è sotto lo scacco delle mafie? Oppure vogliamo accennare alla dittatura totalitaria dell’UE e alla sconcezza dell’istituzione dell’Euro, che ha distrutto le monete nazionali e quindi la sovranità degli Stati e ha ridotto alla miseria e sovente al suicidio persone disperate, distruggendo inoltre la piccola impresa, mattone fondamentale dell’economia nazionale?) che non sia in via di dissoluzione.
Cosa è accaduto? Da quando? Perché?
Massimo Viglione – storico e scrittore

M. Viglione

Massimo Viglione e'professore di Storia presso l'Università Europea di Roma e scrittore di libri di successo e testi scolastici .