Storici del movimento LGBT ammettono, nessuno nasce gay.

By ALEX Kocman

 

Sei Nato Gay?No!

Nel suo articolo, David Benkof scrive: “Certo,  , ci sono prove che dimostrano come l’omosessualità e’ già presente in periodi pre-moderni . Ma nessuna società prima del 19 ° secolo ha avuto una minoranza gay o anche singoli individui visibilmente gay-oriented. “

 

Ma a quanto pare,  anche all’interno  del movimento LGBT non sono  convinti che si nasca gay.

In un articolo * David Benkof presenta il caso degli storici molti dei quali sono anche LGBT che sostengono che l’orientamento sessuale dell’omosessualità non esisteva fino a circa 150 anni fa.

Mentre le relazioni e comportamenti omosessuali sono accaduti  di volta in volta nel corso della storia,la montagna di ricerche  scientifiche continauno a non poter dimostrare l’esistenza del  “gene gay” che proverebbe  l’orientamento omosessuale dalla nascita.

La base di queste affermazioni sull’orientamento omosessuale  come parte dell’identità di una persona, è interamente un’invenzione moderna.

Anche nella cultura greca, dove il comportamento omosessuale si è notoriamente verificato , il ragionamento non e’ applicabile dato che non esisteva una minoranza  di individui identificati come gay o omosessuali in alcun modo. Piuttosto, l’omosessualità era  considerata un supplemento alle proprie relazioni eterosessuali normali.

Il ragionamento di questi storici rivela anche che non vi era alcun orientamento eterosessuale nelle culture del passato . Non che nessuno è stato attratto dal sesso opposto,  ma che l’idea di eterosessualità come identità non avrebbe potuto esistere in un mondo dove non esisteva  neanche  l’omosessualità come identità. Insomma esistevano solo uomini e donne come tali.

In altre parole, l’orientamento sessuale non è un identificatore di base come la razza , ora invece puo’ considerarsi completamente una costruzione sociale.

Anche se Benkof sostiene che la causa LGBT può sopravvivere a dispetto di tali risultati, solo la visione del mondo biblica si adatta con i fatti.

La sfida per i cristiani

La Bibbia non menziona direttamente l’orientamento gay perché il concetto di orientamento sessuale è un non sequitur, sia nella Scrittura che nella maggior parte della storia. La Bibbia condanna chiaramente azioni e desideri omosessuali, insieme a qualsiasi tipo di azione o il desiderio sessuale al di fuori del matrimonio. Genesi 5: 2, Levitico 18:22 e 20:13, Matteo 5:28, Romani 1:27, e 1 Corinzi 6: 9-11 non lasciano spazio a dubbi.

Ma fino a quando il movimento LGBT continua il dibattito incorniciato intorno all’ identità sessuale, i cristiani saranno visti come persone che odiano altre  persone per quello che sono ossia gay.

Se la cultura raggiunge  il riconoscimento  che l’identità sessuale gay è un costrutto sociale, allora forse si capiranno  le condanne della Bibbia all’ immoralità sessuale che sono dirette contro le nostre azioni  e pensieri peccaminosi e non contro  la nostra personalità di base.