Quello che non dicono dell’ISIS.

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha ammesso durante un’intervista della CBS che gli Stati Uniti hanno sottovalutato la possibilità che una Siria dilaniata dalla guerra avrebbe favorito il ritorno dei gruppi estremisti militanti. Ha definito l’Iraq e la Siria come il “ground zero per i jihadisti di tutto il mondo”.

Secondo Obama, il capo della comunità di intelligence degli Stati Uniti, Jim Clapper, ha riconosciuto che hanno sottovalutato quello che e’ accaduto in Siria. ,[1]

All’inizio di settembre, Obama ha anche affermato che “la guerra all’ ISIS sarebbe durata almeno 3 anni” e poche settimane dopo il Senato ha approvato una legge che autorizza Obama ad armare i “moderati” ribelli in Siria, come parte di un programma di intensificazione della campagna militare USA contro i militanti ISIS.

Il disegno di legge stanzia 500 milioni dollari non solo per l’armamento e la formazione dei ribelli siriani, ma anche per l’espansione dELL’ azione militare in Iraq. Incluso nel disegno di legge è anche l’estensione del finanziamento fino alL’ 11 dicembre.

Nel frattempo la coalizione, che comprende gli Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Arabia Saudita, il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti, hanno iniziato gli attacchi aerei contro obiettivi IsiS in Siria e in Iraq.

Obama si contraddice ancora una volta

Inizialmente, Barrack Obama aveva sostenuto che truppe americane sarebbero schierate sul terreno ma poco dopo diversi capi militari degli Stati Uniti e del Regno Unito hanno spiegato come gli attacchi aerei hanno un uso molto limitato, senza nessun controllo a terra, Obama contraddice se stesso ancora una volta.

Le Politiche in Medio Oriente di Obama sono state una enorme contraddizione che ha portato al fallimento totale anche se l’amministrazione degli Stati Uniti ha ormai raggiunto affermazioni che sono difficili da credere anche per coloro che hanno una conoscenza minima di politica estera.

L’intelligence degli Stati Uniti ha a quanto pare sottovalutato gli effetti collaterali di armare coloro che sono stati definiti come “ribelli siriani moderati”, ma nel frattempo il Senato approva un disegno di legge per armare tali ribelli . Sembra che ancora non hanno imparato la lezione.

Inoltre gli Stati Uniti prevedono inoltre di ampliare l’ operazione militare in Iraq dopo due guerre che hanno portato il paese nell’anarchia totale ed è più realistico credere che ci sia uno scopo simile verso la Siria, al fine di destabilizzare Assad.

Il mistero di Isis e Abu Bakr al-Baghdadi

Secondo Obama ci vorranno almeno tre anni per sconfiggere tale Stato islamico che e’ letteralmente spuntato dal nulla. In meno di un anno il gruppo è riuscito a prendere il controllo di gran parte della Siria e Iraq. I suoi militanti sconfissero un esercito iracheno ben armato che è stato addestrato ed equipaggiato per anni dalle forze americane, rubando tutti i loro veicoli e le armi. Anche se gli Stati Uniti non si aspettavamo che l’esercito iracheno sarebbe semplicemente scappato di fronte ai jihadisti.

Abu Bakr al-Baghdadi, lo strano capo Isis, era un predicatore noto già nel 2003, quando gli Stati Uniti hanno invaso l’Iraq per la seconda volta e si unì subito ad Abu Musab al-Zarqawi “al-Qaeda in Iraq”, con il compito di infiltrarsi tra i jihadisti arabi in Iraq.

Stranamente, al-Baghdadi, che era famoso per la sua passione per l’esecuzione pubblica, è stato arrestato dalle forze Usa e bloccato all’interno del centro di detenzione di Camp Bucca, ma non nel compound dove erano detenuti i jihadisti pericolosi. Stranamente, non era considerato pericoloso a tutti.

Nel 2009, al-Baghdadi viene liberato dalle forze americane e l’anno successivo, il 16 maggio 2010 è nominato capo dello Stato islamico dell’Iraq, in sostituzione di Abu Omar . ,Di conseguenza, gli attacchi verso sciiti ed obiettivi cristiani in tutto l’Iraq sono drasticamente aumentati.

Nel 2011 Abu Bakr al-Baghdadi è diventato uno dei ricercati tra i terroristipiu’ pericolosi dal Dipartimento di Stato americano, con 10 milioni di dollari di ricompensa.

Combattenti stranieri e di intelligence occidentale

L’intelligence degli Stati Uniti e della Unione europea sono stati anche sorpresi dal fatto che migliaia di cittadini dell’UE improvvisamente cominciarono ad andare verso il Medio Oriente per unirsi jihadisti. E ‘davvero credibile?

Secondo le statistiche ci sono circa 700 cittadini francesi, 500 britannici, 300 dal Belgio e dalla Germania, 100 dalla Danimarca.In alcuni casi, i jihadisti sono riusciti anche a tornare dalla Siria e condurre attacchi nei loro paesi d’origine, come il franco-algerino Mehdi Nemmouche, che ha sparato contro il museo ebraico di Bruxelles il 24 maggio 2014, uccidendo quattro persone.

Nel Regno Unito predicatori pro-Califfato, come Anjem Choudary, sono stati autorizzati a predicare liberamente idee estremiste per anni senza alcun tipo di misura legale contro di loro.

Secondo le autorità belghe Choudary, che è stato finalmente arrestato la scorsa settimana nel Regno Unito, ha collaborato strettamente con Fouad Belkacem, la portavoce di Sharia4Belgium, una organizzazione salafita ormai sciolta che voleva la sharia in Belgio. Belkacem sta attualmente scontando una pena per incitamento all’odio contro i non-musulmani.

Un altro elemento interessante è venuto alla ribalta in relazione alle decapitazioni effettuate da ISIS. L’uomo sospettato che appare in questi video potrebbe essere Abdel Majed Abdel Bary, che aveva solo sei anni quando suo padre è stato arrestato e portato via dalla loro casa di Londra, accusato di essere uno dei luogotenenti di Osama Bin Laden in Gran Bretagna e che ha giocato un ruolo nei bombardamenti di due ambasciate americane in Africa orientale nel 1998.

Mentre suo padre, rifugiato di origine egiziana Adel Abdul Bary, è in custodia a New York, in attesa di processo per il suo presunto ruolo negli attentati alle ambasciate in Kenya e Tanzania, Majed viveva con la madre e cinque fratelli in una casa di Maida Vale, a ovest di Londra, di proprietà di Westminster Council, e sul mercato libero varrebbe £ 1.000.000 ($ 1,8 milioni), secondo i media britannici. Una questione che solleva, ovviamente, molte domande.

La questione dei fondi

Secondo la documentazione rilasciata dal Centro per la Ricerca sulla Globalizzazione, lo Stato islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS), ora minaccia di Baghdad, è stato finanziato per anni dai donatori ricchi in Kuwait, Qatar e Arabia Saudita, tre alleati degli Stati Uniti che hanno doppi ordini del giorno ,nella guerra al terrore.

“Il gruppo estremista che sta minacciando l’esistenza dello stato iracheno è stato costruito e coltivato per anni con l’aiuto di donatori d’elite di presunti alleati americani nella regione del Golfo Persico.

L’obiettivo sembra chiaro, rompendo l’ asse sciita che va dall’Iran, attraverso l’Iraq e la Siria, fino al Libano, si vuole contrastare l’influenza iraniana nel Golfo. Un compito primario per l’Arabia Saudita, Qatar e Kuwait.

Giovanni Giacalone

Fonte www.http://english.pravda.ru/

Traduzione Redazioen Appunti Italiani