L’antipolitica e’ eversiva..parola di Napolitano!

Lucidissimo e importante editoriale di Galli della Loggia oggi sul CdS.
Nei giorni scorsi sono stato più volte tentato di esprimere la mia opinione sulle inquietanti quanto arroganti quanto intollerabili parole pronunciate da Napolitano, quando ha definito “eversiva” l'”antipolitica”.

Avrei avuto molte cose da dire, ma non l’ho fatto sia per non fare sempre la parte di quello non moderato e serio (del pazzo da evitare, insomma), sia perché con la democratica e tollerante Repubblica Italiana… non sai mai fino a che punto si sia democratici e tolleranti…

Lo ha fatto oggi però Galli della Loggia (lui può farlo senza correre i due rischi di cui sopra), ricordando due cose essenziali: 1) l'”antipolitica”, per essere tale, deve essere antipolitica, ovvero critica e infondata aprioristica al sistema politico. Ora, chi può affermare che criticare questo nostro sistema politico sia aprioristico e infondato? 2) Napolitano scorda che tutta la Seconda Repubblica è nata in maniera “antipolitica”, da Mani Pulite in poi… e si autolegittima in maniera antipolitica ogni giorno, a tutti i livelli, e lui è il primo autolegittimato di questo seconda Repubblica.

Se lo avessi detto io, sarei stato il solito irresponsabile da non frequentare. Ma lo ha detto Galli della Loggia nell’editoriale di oggi del CdS.

Pertanto, care persone serie, moderate e responsabili… beccatevi questa…
Ma siccome io non sono rispettabile e frequantabile, tanto meno moderato e responsabile, aggiungo qualcosa di mio. Voglio ipotizzare – sia chiaro, è solo un gioco, solo delle ipotesi tanto per passare il tempo – alcuni casi di “eversività” effettiva.

Volendo disquisire sul concetto di “eversivo”, io sono dell’opinione che “eversivo” possa essere distruggere defintivamente la sovranità nazionale dello Stato italiano, svendendolo parte al Moloch di Bruxelles e parte a forze sinarchico-finanziarie mondialiste, senza chiedere permesso alcuno a nessuno; eversivo per esempio potrebbe essere abolire la moneta nazionale degli italiani e la Banca centrale degli italiani senza chiedere opinione a nessuno; eversivo potrebbe essere precipitare l’economia nazionale, e quindi tutti gli italiani, nella follia dell’euro senza chiedere opinione a nessuno; eversivo potrebbe eancora essere fare il guardiamo arrogante al servizio di padroni non italiani che si sono impossessati della nostra libertà, indipendenza e ricchezza publbica e privata, producendo la fame nell’intero paese e distruggendo il sistema lavorativo (e tra poco pensionistico); eversivo potrebbe essere ulteriormente l’organizzare un piano internazionale per far cadere il governo legittimamente e democraticamente eletto dagli iitaliani; eversivo potrebbe essere il mettere al suo posto ben tre governi non eletti dal popolo italiano.

Io sono pure dell’opinione che eversivo, per fare un ultimo esempio, potrebbe essere il condannare a morte una ragazza innocente che non può difendersi, magari perché in coma, facendola morire di fame e sete.

Come eversivo era 60 anni fa stare dalla parte dell’invasore sovietico in nome della “pace”. Galli della Loggia non avrebbe detto queste cose? Ma siete sicuri che non le pensi? E con lui milioni di italiani, fra cui molti anche seri e moderati?

Massimo Viglione

M. Viglione

Massimo Viglione e'professore di Storia presso l'Università Europea di Roma e scrittore di libri di successo e testi scolastici .