L’ Ungheria , muro al confine serbo per fermare i migranti

L’ Ungheria ha annunciato il piano per costruire  un muro di quattro metri di altezza  lungo il confine con la Serbia per arginare il flusso di immigrati clandestini,  una mossa che  rischia di infastidire i gruppi per i diritti umani e l’Unione europea.

Il paese dell’Europa centrale senza sbocco sul mare di 10 milioni di persone è esente  dall’obbligo Schengen dell’Unione europea e quindi una meta attraente per decine di migliaia di migranti che entrano in Europa attraverso i Balcani dal Medio Oriente .

“L’immigrazione è uno dei più gravi problemi che affliggono oggi l’Unione europea”, ha detto il ministro degli Esteri Peter Szijjarto in una conferenza stampa a Budapest. “I paesi dell’UE cercano una soluzione … ma l’Ungheria non puo’ permettersi di aspettare più a lungo.”

“Stiamo parlando di un tratto di confine di 175 km  di lunghezza, la cui chiusura fisica può essere assicurata  con una recinzione alta quattro metri”, ha aggiunto.

Szijjarto ha detto che la recinzione  non viola gli accordi internazionali. Ha detto che il governo avrebbe tenuto una riunione ad alto livello con la Serbia, che non è nella UE, il 1 ° luglio per discutere i piani.

Secondo l’Ufficio ungherese Immigrazione e Nazionalità (BAH) circa 57.000 persone hanno  attraversato il confine con l’ Ungheria illegalmente  quest’anno, in forte aumento dai  43.000 del 2014.

I migranti sono un gran numero di cittadini afghani, siriani e pakistani,  Direttore Generale  BAH Zsuzsanna Vegh ha detto alla radio pubblica .

La recinzione evocherà ricordi della guerra fredda  – tra cui il Muro di Berlino – che separavano l’est comunista in Europa, tra cui l’Ungheria, dall’ ovest capitalista.

Più a sud, la Bulgaria ha anche costruito una recinzione lungo il confine con la Turchia, con lo stesso obiettivo di tenere fuori gli immigrati clandestini.

Il governo del Primo Ministro ungherese Viktor Orban è finito nel mirino in patria e all’estero per la sua gestione dell’immigrazione.

 Il governo ungherese ha ripetutamente criticato le misure dell’UE in materia di immigrazione, definendole come inadeguate.