Donazione o predazione organi?

Donazione organi o predazione organi? Quando ho scoperto che l’espianto di organi avviene a cuore battente ma solo con la dichiarazione di morte celebrale e quindi di coma, sono rimasto inorridito! Come e’ possibile? Non si prelevano organi da un cadavere, ma da una persona in coma e quindi con il corpo perfettamente funzionante e con il cuore battente! Non si possono prendere organi da un cadavere in quanto appena il cuore si ferma gli organi vanno in “necrosi” e quindi sono inutilizzabili!!

Abbiamo combattuto per Eluana Englario e per non permettere l’eutanasia di persone celebralmente morte in quanto le consideriamo vive , e poi invece accettiamo l’espianto di organi che infatti avviene con l’intervento di un anestesista! Perche’ anestetizzare ed usare dei paralizzanti se non per evitare le reazioni del corpo vivo? Ma allora e’ un omicidio! Lo Stato e la comunita’ scientifica ci ingannano per permettere un lucroso traffico di organi e che molto spesso alimenta la vendita di organi e predazione su persone nei paesi poveri! Non possiamo accettarlo, e’ un omicidio!

Documenti , studi e testimonianze di cio’ che sta’ accadendo nei nostri ospedali sopratutto a scapito di chi subisce incidenti stradali confermano quanto razionalmente anche un profano di medicina sa’, si e’ sempre atteso che il cuore si fermasse per dichiarare la morte , ora invece si sono creati una legge truffa per ingannarci!

Il Catechismo della Chiesa Cattolica all’art.2296 dice chiaramente :

“Il trapianto di organi è conforme alla legge morale se i danni e i rischi fisici e psichici in cui incorre il donatore sono proporzionati al bene che si cerca per il destinatario. La donazione di organi dopo la morte è un atto nobile e meritorio ed è da incoraggiare come manifestazione di generosa solidarietà. Non è moralmente accettabile se il donatore o i suoi aventi diritto non vi hanno dato il loro esplicito consenso. È inoltre moralmente inammissibile provocare direttamente la mutilazione invalidante o la morte di un essere umano, sia pure per ritardare il decesso di altre persone. “

Dal testo latino si dice “ex cadavere”, ossia donazione “da cadavere”, ma se il cuore batte allora non e’ un cadavere, e la scienza ed i loro luminari ci ingannano in quanto hanno deciso che per morte utile per l’ espianto basta la morte celebrale ! La stampa e la televisione censurano e nascondono cio’ che accade a molte persone che per esempio, dopo un incidente , hanno subito danni celebrali.La legge permette, solo dopo 6 ore di coma, di dichiarare la persona morta e rubargli gli organi uccidendolo . Non possiamo accettarlo!

Redazione