Asia Bibi è “in condizioni tragiche”

Le condizioni di Asia Bibi sono “tragiche” perché “sta diventando psicologicamente instabile giorno dopo giorno”. Lo ha detto all’ANSA Xavier Patras William, presidente dell’organizzazione di difesa dei diritti delle minoranze Life for All. La madre cristiana, condannata a morte nel 2010 per blasfemia, si trova in una cella di isolamento nella prigione di Multan, nella provincia del Punjab.  “Si sono tenute delle preghiere per la sua salute – ha detto – e perché tenga duro”. William ha poi rivolto un appello “ad alzare la voce per far rispettare la giustizia e per superare le differenze prima che sia troppo tardi”. Di recente erano emerse preoccupazioni sulle condizioni di salute della donna e sul bisogno di adeguate cure mediche. La famiglia aveva anche chiesto il trasferimento in una prigione di Lahore. Lo scorso luglio, un tribunale aveva sospeso la sentenza di condanna a morte in attesa di un riesame del caso da parte della Corte Suprema, la massima istanza giudiziaria pachistana.

© ANSA